Homepage Podere Calledro

  • ita
  • eng
  • ted
Spoleto

Sei in: Home / Da visitare / Spoleto

Spoleto

Città in continuo fermento culturale, con i suoi festival e kermesse, come quello "dei due mondi", Spoleto è tappa fondamentale per la conoscenza e la comprensione dell'Umbria, ergendosi ad uno dei simboli più ricchi di storia e beni culturali.

Nel corso della sua storia fu centro fortificato degli Umbri, colonia romana, bizantina, infine terra della Chiesa, dove il cardinale Albornoz fece costruire la celebre Rocca, simbolo del potere Pontificio. Entrando nell'antica città di Spoleto è subito chiaro il rapporto del centro abitato con il passato, simbiosi perfetta tra arte antica, e modernità, per un museo a cielo aperto che ha reso la città tappa principale del turismo in Umbria.

Alle più antiche origini di Spoleto appartengono l'Arco di Druso e Germanico, lo splendido Teatro Romano, dove ancora oggi è possibile assistere a numerosi spettacoli durante l'estate, nei giorni del famoso festival Dei Due Mondi, ospitato proprio in città. Nel periodo romano fu costruita anche la basilica di San Salvatore, un interessante monumento paleocristiano le cui origini si fanno risalire fino al IV-V secolo. La cartolina più bella della città è però quella del Duomo, chiesa eretta nel XII secolo, che conserva al suo interno importanti tele ed affreschi.

Ma tutto il centro cittadino è custode di chiese ed opere architettoniche quali il palazzo Comunale che lo fanno diventare scrigno di cultura e di bellezze inestimabili. Importante ricordare la chiesa di San Pietro, posta all'inizio della strada che conduce a Monteluco

Poco fuori il centro cittadino, oltre la Rocca Albornoz, che domina la vallata della Somma, da vedere il Ponte delle Torri, imponente costruzione a dieci arcate ogivali alto 80 metri e lungo oltre 230, voluta per collegare la città con le pendici della vallata che si staglia sopra Spoleto. Nel silenzio delle colline, immersa nel verde più rigoglioso, nell'antica Spoleto il tempo sembra essersi fermato, imprigionando sensazioni che sembra poter ancora oggi vivere, semplicemente attraversandola, nella sua ordinata bellezza.